Asportazione neoformazioni cutanee

Asportazione neoformazioni cutanee: come funziona?

L’asportazione di nei, lipomi, cisti, peduncoli, pori dilatati, cheratosi, cicatrici da acne, melasma, macchie viene effettuata tramite diverse metodologie: chirurgia ambulatoriale senza anestesia o con anestesia locale, laser, dermapen e peeling con soluzioni chimiche.

L’asportazione cosa provoca?

La rimozione di un neo, una cisti o una cheratosi, può provocare un dolore modesto al paziente, risolvibile con un semplice analgesico.

L’eventuale comparsa di ecchimosi (lividi) può verificarsi in prossimità dell’area oggetto dell’intervento chirurgico e deve essere considerata normale. In caso vengano applicati punti di sutura esterni, questi verranno rimossi dopo alcuni giorni.

Per togliere un neo o una cheratosi possono essere utilizzate anche tecniche alternative alla chirurgia, quali il laser, il dermapen e il peeling con soluzioni chimiche, che effettuano la distruzione della neoformazione. Segue una guarigione spontanea.

Quali precauzioni adottare dopo l’asportazione?

Si consiglia di evitare l’utilizzo di farmaci a base di acetilsalicilico, come l’aspirina, o anticoagulanti orali che potrebbero favorire la comparsa di ematomi. Se l’asportazione è avvenuta chirurgicamente, è importante non bagnare la medicazione e non rimuoverla sino al primo controllo post-operatorio.

Sei in cerca di un centro medico per l’asportazione di un neo a Monza? Il Poliambulatorio Modoetia è un centro di riferimento sicuro e affidabile: il team di specialisti saprà rispondere alle tue esigenze con adeguatezza e professionalità.

 

Facebook
WhatsApp

Non sarà possibile accedere al poliambulatorio MODOETIA, se si è soggetti a quarantena (risultati quindi positivi al Covid-19) e in presenza di febbre superiore ai 37.5°.

Contattaci per ogni esigenza